Mariangela Padalino

Benvenuto nel mio blog. Uno spazio dove puoi leggere articoli che trattano temi a cui ho dedicato la mia vita professionale.

Operazione Milano 2050

Si parla tanto di cambiamenti climatici che si portano dietro una vera rivoluzione anche in campo sociale e culturale.

Un fermento che sta attraversando anche la nostra città quella che abbiamo costruito e che vogliano veder crescere nella stessa modalità.

Ma oggi la scommessa è quella di assicurare, in questo contesto,   uno sviluppo in grado di durare nel tempo di ricreare un ambiente anche sociale che assicuri condizioni sempre migliori imparando a coniugare obiettivi di consolidamento, crescita, resilienza con eventi improvvisi . E possiamo farlo solo cambiando radicalmente i paradigmi consolidati inventando nuovi schemi che ci porteranno   a una nuova Milano del   2050

E’NECESSARIO RIPENSARE ALLA COSTRUZIONE DI UNA CITTA NUOVA CON “ABITAZIONI” CHE TENGANO CONTO DEL CLIMA CHE CAMBIA E   DEI NUOVI FLUSSI UMANI.

Soffermiamoci su come la città deve  evolversi per permettere all’Uomo Nuovo una vita migliore futura (ma non troppo).

Quali sono i target principali che abiteranno Milano nel 2050?

  1. Giovani universitari grazie alla presenza in città di molte  università   e poli di ricerca e giovani lavoratori che non si possono permettere di pagare  un affitto . Si pensi che il 68% dei nostri   giovani italiani non lascia la famiglia perché non ce la fa a mantenersi da solo .
  2.  Lavoratori/famiglie   che sempre di più transiteranno nella nostra città per brevi periodi per effetto di una modalità e regolamentazione del   lavoro che è cambiato (sempre meno  stanziale )   e per l’attrazione che la città ha nei confronti  delle “campagne”.
  3. Forte aumento degli anziani

Quale potrebbero essere le nuove edificazioni a supporto?

Villaggi per Senior per anziani non più soli

Siamo un paese di vecchi ma il territorio non è strutturato per questa fascia di età che cresce sempre di più .  In Italia ci sono 6 milioni over 65 che alimentano 10 miliardi di wealfare. Gli anziani sono un business e la maggior parte di essi tra  10 / 15 anni non potrà  più permettersi case di riposo o badanti.

La città del futuro   non può non tener conto di questo fenomeno che la politica sembra stia  sottovalutando   e lo deve fare aiutando la creazione di Villaggi per anziani che hanno al loro interno servizi per la persona.

Case Studenti per Famiglie  più  serene

 Quando una famiglia è costretta a mandare   un figlio lontano da casa a studiare (o lavorare)  oltre al costo dell’affitto e del mantenimento,  ha anche una preoccupazione : quello di  avere un ragazzo solo in una città che non conosce. Creare un luogo dove abitare  a prezzi calmierati e con servizi e punti di riferimento rendono l’esperienza dei giovani  sicuramente più piacevole ed equilibrata per tutta la famiglia.

L’istituzione dovrebbe, anche in questo caso   concentrarsi nel farsi promotrice nel creare Case per Studenti che hanno al loro interno servizi a sostegno dei giovani  con l’ Istituzione di un coordinatore che diventa una figura  di riferimento per loro e  per le lor famiglie in caso di bisogno.

Cosa può fare un comune illuminato?

“Operazione Milano 2050”   Un progetto che racchiuda in maniera olistica  (perché solo così si può trattare un cambiamento epocale) che detti le linee guida per la costruzione della citta del 2050.  Oggi dobbiamo pensare ciò che ci sembra impossibile proprio come è sempre avvenuto per le grandi imprese.  Come Kennedy che nel 62 tentò il lancio sulla luna  e disse : “abbiamo scelto la luna non perché è un obiettivo semplice ma perché è un progetto ardito”  (e non impossibile)  . In quell’anno esistevano le condizioni ma non le conoscenze che si ebbero dopo ma che furono stimolate da questo pensiero.

Alcune mie proposte  in ambito di sostenibilità sociale

  • Incentivare e aiutare concretamente   i   costruttori a realizzare strutture abitative che abbiano le caratteristiche sopra citate come ad esempio maggiore   semplificazione, snellimento dei processi autorizzativi, fiscalità e burocrazia .
  • Organizzare a livello centrale/comunale un settore che lavori per creare   una   rete con tutte le associazioni di walfare e di volontariato, amministratori di condominio, immoniliaristi, servizi sanitari e di assistenza e altro serva   presenti nei quartieri per essere   chiamati ( per vicinanza)  a sostegno delle nuove realtà urbane.
  • Facilitare la demolizione e la ricostruzione con parametri sociali e ambientali dettati dal programma.

Avete altre idee? Parliamone qui!

Per conoscere di più le mie attività

Mariangela Padalino Tutti i diritti riservati - - Privacy Policy - Cookie Policy

Powered by Sofonisba